Voti Fantacalcio: storia e curiosità

Voti fanta: tutte le statistiche

Fantacalcio: tra storia e realtà.

Ai giorni nostri il gioco del Fantacalcio è così famoso da essere giocato sia dai vecchi, che dai bambini. Eppure non sono in molti a conoscere la storia e l’evoluzione di questo gioco, inventato da un italiano, Riccardo Albini, e quindi diffusosi anche nei Paesi limitrofi all’Italia.

L’idea è nata dal Fantasy Baseball di tiratura statunitense e può riguardare diverse competizione calcistiche. Nella sua versione più estesa, il Fantacalcio interessa la Serie A, ove tutte le squadre giocano 38 volte.

In misura minore è possibile trovare la versione Champions League del Fantacalcio. Per la prima volta il gioco fu pubblicato in Italia nel 1990 grazie agli sforzi dello stesso Riccardo Albini e di Edizioni Studio Vit.

Il regolamento definitivo di gioco fu presentato solo un anno dopo, grazie alla partecipazione di Diego Antonelli e Alberto Rossetti. Oggigiorno il Fantacalcio è diffuso tra tutte le fasce della popolazione ed è un marchio ufficialmente registrato dal Gruppo Edioriale “L’Espresso”.

E, a che dir si voglia, oltre al regolamento di base stilato da Albini, Antonelli e Rossetti, spesso i giocatori s’inventano delle regole specifiche.

I voti fanta

Una delle parti fondamentali del gioco più bello dopo il calcio sono i voti fanta. Difatti, dopo le partite i giocatori vedono i voti ricevuti dai giocatori presenti nella loro formazione.

Tutti i voti fanta vengono sommati e si fa la media per decretare il voto medio della squadra. Questo è sicuramente il modo più diffuso per decidere il voto del team.

In altre occasioni è possibile che i voti fanta non vengano sommati e poi divisi per 11, ma siano aggiunti alle statistiche di base della squadra già sommati.

In ogni caso, non si tratta di un elemento che ha una grande importanza, ma che può essere deciso a tavolino da tutti i giocatori.

In relazione al punteggio del team (media voti + bonus/malus relativi a dei punteggi extra). Il punteggio della squadra serve, quindi, per calcolare i gol effettuati dal team stesso. Il numero di gol effettuati servirà alla squadra per essere paragonata alla propria sfidante.

Alla fine dei conti, tra le due squadre quella che avrà fatto il maggior numero di gol sarà considerata come vincitrice della partita e guadagnerà 3 punti. Questi 3 punti saranno validi ai fini della classifica generale dei partecipanti al Fantacalcio.

Da dove prendere i voti fanta?

Ma dove prendere i voti dei giocatori? Classicamente, i voti fanta vengono presi da dei rinomati quotidiani sul territorio nazionale, come la Gazzetta dello Sport e Sky Sport.

L’importante è che la fonte dei voti fanta sia decisa prima dell’inizio del Fantacampionato e sia valida per tutti. Mettendosi d’accordo, tutti i partecipanti al campionato possono decidere di cambiare la fonte dei voti fanta. Per farlo, tuttavia, è obbligatorio il consenso di tutti i giocatori.

Inoltre, alcune volte è possibile che i bonus/malus previsti dal regolamento non vengano presi in conto. La motivazione è semplice: alcune volte tali bonus/malus vengono di già contati nel voto di base.

Essendo, quindi, già inclusi nella votazione di un giocatore, non ha senso considerare degli ulteriori bonus/malus.